RISPARMIARE ENERGIA: ECCO COME FARE

Uno studio dell’Osservatorio Deloitte svolto sul tema della sostenibilità e dell’innovazione mette chiaramente in luce come la crisi energetica e il rialzo delle tariffe stiano modificando le abitudini degli italiani.

Un focus sullo studio: cosa è emerso?

Lo studio è stato effettuato su un campione di 2mila cittadini di età compresa tra i 18 e i 75 anni e mostra come:

  • circa 8 cittadini su 10 abbiano scelto di impegnarsi in comportamenti più virtuosi per limitare il consumo generale di energia;

  • tra questi circa 6 su 10 affermano di non percepire il risultato dei loro sforzi a causa del costante aumento delle tariffe.abitudini degli italiani.

Come risparmiare energia senza spendere soldi?

La maggior parte delle iniziative volte al risparmio energetico sono azioni semplici che non prevedono investimenti o esborsi monetari, quali:

  • usare le luci solo quando realmente necessario (75%);
  • limitare l’impiego di acqua calda (54%);

  • diminuire l’uso della funzione di ‘stand-by’ dei monitor (48%);

  • scegliere la migliore tariffa energetica disponibile (28%).

Investimenti moderati per risparmiare energia

Insieme alle iniziative sopra esposte si sono registrate anche una serie di attività caratterizzate da un elevato tasso tecnologico e una qualche forma di investimento, quali:

  • la scelta di lampadine a basso consumo (67%);
  • la preferenza di elettrodomestici più efficienti (36%);
  • l’installazione di termostati regolabili e programmabili (21%);
  • l’installazione di misuratori di corrente elettrica (18%).

Alcune considerazioni

Nonostante cresca l’attenzione generale sui temi legati all’ambientale e al risparmio energetico, il livello di reale consapevolezza e impegno da parte degli italiani risulta ancora poco lodevole:

  • solo il 7% sta agendo in modo olistico (gli interventi che vengono effettuati nei vari ambiti sono ancora troppo specifici e non integrati fra loro disperdendo la loro efficacia);

  • solo 2 cittadini su 10 hanno programmato interventi strutturali nella propria abitazione per renderla più efficiente.

L’importanza della scelta del fornitore elettrico

Un altro fattore che emerge chiaramente è l’importanza della scelta del fornitore di energia elettrica, le cui caratteristiche principali risultano dover essere:

  • la convenienza in termini assoluti (competitività delle tariffe, 52%);

  • la convenienza in termini relativi (incentivi e sconti, 35%);

  • la trasparenza del servizio (chiarezza delle bollette, 47%);

le valutazioni su qualità, varietà e servizio clienti.

Energia green

In termini di energia green, il 97% degli italiani sottolinea l’importanza di avere una sempre crescente quota di energia rinnovabile per favorire un più vasto impiego delle rinnovabili su scala nazionale e garantire al nostro Paese:

  • una minore dipendenza dalle importazioni di combustibili fossili (48%);
  • una progressiva decarbonizzazione dell’energia (42%);

  • un complessivo miglioramento dei parametri ambientali (34%).

Visiona tutte le soluzioni disponibili sul nostro sito e trova la casa dei tuoi sogni!

Richiedi una valutazione gratuita e senza impegno per vendere in totale serenità il tuo immobile!

C

10 + 1 =

Confrontare